Archivi categoria: Recensioni

Mariano Sabatini, Primo venne Caino, Salani editore – Le recensioni in LIBRIrtà

Dopo averci concesso in anteprima l’intervista nel giorno dell’uscita del suo secondo thriller, il 25 gennaio 2018, dal titolo “Primo venne Caino“, pubblicato per Salani editore, recensiamo lo stesso, per mano della poetessa Domenica Blanda (alias Anna Cavestri). Una poetessa? Si, perché è anche una delle più quotate blogger italiane.  Mariano Sabatini, meritevole di lode, apre ad un thriller davvero nuovo, una stilistica nuova. Come Cioran ebbe a fondare il lirismo nella scrittura filosofica, Sabatini fonda la ricerca verbalizzata nel thriller’ (S.M.Fazio). Che sia un caposcuola? BUONA LETTURA… e correte in libreria, ne vale la pena!
Ambientato nella città eterna tanto amata nel bene e nel male, questo è uno dei più bei thriller che ho letto ultimamente.
Continua la lettura di Mariano Sabatini, Primo venne Caino, Salani editore – Le recensioni in LIBRIrtà

Dario Neron, Doctor Reset, Il Camaleonte edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Abbiamo rallentato, con l’ingresso dell’anno del Signore 2018. Abbiamo cambiato e ci è piaciuto. E poi abbiamo ricambiato per tornare da dove siamo venuti. Il 2 luglio 2017, uscimmo ufficialmente, lasciando come link base, il nome del fondatore del blog, che è anche il filosofo fondatore della corrente del nichilismo cognitivo. Ma proprio con questo blog ha dimostrato che il nichilismo, visto nella sua personalissima ottica, che sta contagiando tantissimi seguaci,

Continua la lettura di Dario Neron, Doctor Reset, Il Camaleonte edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

NOVITA’ EDITORIALE – Col mensile “S” il nuovo libro di Fernando Massimo Adonia su ombre e luci della festa di Sant’Agata, Patrona catanese

Fernando Massimo Adonia è il giornalista catanese, che lo scorso anno per i tipi di Eclettica è balzato alla cronaca nazionale con un libro molto interessante, che a dirla pulita e leggera, sconfessa l’intelligenza del duce (ma questo è un nostro parere). Sempre con lo stresso libro, pone in auge le gesta di un giovane fascista catanese, Carlo Amato, e ancora, sempre sulla scia di Presente! (questo il titolo), lo scrittore e  – nuovamente – giornalista catanese, semina dubbi su ci abbia ucciso il giovane al quale dedicato il libro. Bene, ma che ce ne importa di pomparlo ancora? NULLA, se non che da oggi col mensile “S”, in allegato si trova il nuovo libro di Fernando Massimo Adonia, Il martirio della festa. L’ombra della mafia e la morte di un devoto, ecco come due processi hanno cambiato il volto dei festeggiamenti dedicati a Snt’Agata, pubblicato per i tipi del Gruppo Editoriale Novanta Cento, che racconta di luci e ombre sotto l’ala della Patrona di Catania, Agata, Sant’Agata. Riportiamo l’articolo scritto da Melania Tanteri per Live Sicilia, che ci consegna delle informazioni non indifferenti. Continua la lettura di NOVITA’ EDITORIALE – Col mensile “S” il nuovo libro di Fernando Massimo Adonia su ombre e luci della festa di Sant’Agata, Patrona catanese

Laura Tangherlini, Matrimonio siriano, Infinito edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Ci fa pensare tanto e ci vuole coraggio a coniugare la vista del malessere con la vita del bell’occidente. Fabio Arturo Cicala su “Matrimonio Siriano”.

Matrimonio Siriano, pubblicato per i tipi di Infinito edizioni, è il racconto di un viaggio di nozze benefico fatto dalla giornalista Laura Tangherlini e dal marito, il cantautore romano Marco Rò, per trovare le voci e le testimonianze dei profughi nei campi in Turchia e in Libano. Questo suo reportage sul dramma siriano (un diario di viaggio e, soprattutto, una raccolta di voci e testimonianze dei tanti profughi incontrati) rappresenta una particolare e importante finestra di verità aperta su un mondo che i nostri media ci fanno ignorare.

Continua la lettura di Laura Tangherlini, Matrimonio siriano, Infinito edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Elisabetta Villaggio, La Mustang rossa, La ruota edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Una recensione, bellissima, per un libro che ti mostra molti lati della vita di tantissime persone. In poche righe il sollecito e la stimolazione che ha dato a molti lettori è stato davvero sorprendente (sapete bene che la nostra Domenica Blanda qualche giorno prima della pubblicazione ufficiale della recensione di turno, la fa ‘girare’ ufficiosamente in diversi e importanti gruppi di lettura, e ci siamo accorti l’interesse che ha suscitato).
La storia è ambientata nel 1988, a Los Angeles, sullo sfondo la canzone di Tracy Champan “Fast car“, uscita proprio quell’anno. Il verso “Be Someone”, descrive bene quello che vogliono fare le due amiche del romanzo “essere qualcuno“, come tutte le persone che ruotano intorno a loro.

Continua la lettura di Elisabetta Villaggio, La Mustang rossa, La ruota edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Guido Guerrera, Io e Ernest, Minerva Edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

 Col nuovo anno, il blog si arricchisce, mantenendo rubriche tra le più visitate e più rigorose. Le recensioni in LIBRIrtà, è la rubrica più seguita e a tal proposito non posso che rinforzare, ringraziandola, Domenica Blanda che o legge per intero un libro, o da un consiglio, o lima, controlla e verifica altre recensioni, sta di fatto che veniamo spesso nominati da altri blogger per il nostro blog e per la nostra rubrica. Oggi è la volta di una eccellenza della scrittura e del giornalismo, l’appena uscito per Minerva edizioni “Io e Ernest” di Guido Guerrera… per voi, per tutti. Buona lettura.
Continua la lettura di Guido Guerrera, Io e Ernest, Minerva Edizioni – Le recensioni in LIBRIrtà

Matthew Thomas, Non siamo più noi stessi, Neri Pozza – Le recensioni in LIBRIrtà

IL 2018 apre Le recensioni in LIBRIrtà con “Non siamo più noi stessi” di Matthew Thomas, Neri Pozza editore a cura di Domenica Blanda.

Eileen Tumulthy è figlia di emigranti irlandesi. Vive col padre e la madre negli Stati Uniti, nel cuore del sogno americano. La vita non è facile, è necessario subaffittare una stanza per sbarcare il lunario, ma tutto è destinato a peggiorare, sua madre per un grande dolore si rifugia nell’ alcolismo. Pur se rispettato, suo padre ha il vizio del gioco è non riesce a dare equilibrio alla famiglia. Tocca a lei, Eileen, farsi carico dei suoi genitori. È in questi anni, duri e faticosi, che matura il desiderio di una vita felice, il sogno di benessere e serenità. Tenace e determinata, salva in qualche modo la madre e riesce a studiare: le condizioni economiche non le permettono di laurearsi, ma diventa infermiera e, passo dopo passo, riesce a diventare responsabile nelle strutture ospedaliere in cui lavora.

Continua la lettura di Matthew Thomas, Non siamo più noi stessi, Neri Pozza – Le recensioni in LIBRIrtà