Archivi categoria: Interviste

ESCLUSIVA! Intervista a Beppe Liotta e Loredana Mazzone alla vigilia della pubblicazione de “L’amore al tempo dei voucher”, Imprimatur editore.

Ma chi saranno mai questi due? Per tanto tempo, ci hanno seguito, e hanno presenziato anche agli incontri sulfurei e luciferini del nostro direttore. Li abbiamo conosciuti, scoprendo che sono gli scrittori Beppe Liotta e Loredana Mazzone dei quali in Sicilia un gran bene si dice e diceva attorno a questa coppia di bravi autori, che non apparivano. Penne sensibili, crude e raffinate, seguaci dei metodi e delle tecniche narrative apprese alle lezioni di scrittura  creativa,  Continua la lettura di ESCLUSIVA! Intervista a Beppe Liotta e Loredana Mazzone alla vigilia della pubblicazione de “L’amore al tempo dei voucher”, Imprimatur editore.

L’autrice si racconta – Lucia La Macchia

Lucia La Macchia, vive da tanti anni a Bergamo, ma il legame con la sua terra è cosi forte, da non tralasciare nemmeno un frammento di briciola. Innamorata di tutto ciò che sforna la Trinacria, l’intellettuale siciliana che nutre una passione per le produzioni del cantante Franco Battiato, sin a seguirlo ovunque, senza alcuna fretta a sviluppato e dato alle stampe, Arcani siciliani, storie tra inganni e incanti pubblicato per Armando Siciliano Editore (altra scelta siciliana, di Messina), un volume in 22 capitoli “come il numero degli arcani maggiori dei tarocchi” ci informa. Nonostante impegnatissima, ha rilasciato una dichiarazione per raccontarsi al nostro blog. Siamo grati, perché non è da tutti, ricavarsi qualche istante per dedicarti una anteprima.
Continua la lettura di L’autrice si racconta – Lucia La Macchia

ESCLUSIVA! Mariano Sabatini a LRR!, nel giorno di uscita del suo nuovo romanzo per Salani Editore!

Romano, classe 71, geniale e genio. A 20 anni circa ‘vola su un tappeto’, frattanto è in radio, in tv, nelle testate giornalistiche di mezzo paese. Col suo romanzo d’esordio, L’inganno dell’ippocastano, vinse il premio Flaiano.

Oggi 25.01.2018 esce il suo secondo romanzo, Primo venne Caino, Salani editore.
Per Letto, riletto, recensito!, il direttore Salvatore Massimo Fazio, intervista Mariano Sabatini.

1. Ciao Mariano, grazie per averci accolto, iniziamo. Giovanissimo, sei tra i più quotati autori di programmi e talk show come Tappeto volante, con il grande Luciano Rispoli, frattanto scrivi e pure bene, di inchiesta e di indagine, tra tutti l’esordio a quattro mani con Oriana Maerini, per le Edizioni scientifiche italiane, dove un’intervista al maestro Monicelli diventa un libro per intenditori, ricercatori ma anche per il grande pubblico. Seguiranno altri importanti libri e anche raccolte (ricordiamo Vi racconto Montalbano, dove appari con un capitolo) prima di approdare al romanzo tout-court, L’inganno dell’ippocastano, pubblicato per Salani editore. Puoi dirci cosa ti ha spinto alla necessità di lanciarti verso il noir-poliziottesco?

Continua la lettura di ESCLUSIVA! Mariano Sabatini a LRR!, nel giorno di uscita del suo nuovo romanzo per Salani Editore!

ESCLUSIVA! Il caso (di) Roberto Blandino, raccontato dallo stesso al nostro direttore.

Il caso Blandino, dall’autoproduzione oculata, ricercata e non abbandonata alla vanità della pubblicazione, sino al giorno che si riceve richiesta di acquisizione dei diritti dei propri libri da parte di Leone Editore… e si entra nel firmamento della grande editoria.

Roberto Blandino torinese, classe ’72. Figlio di un ingegnere e di un’astrologa professionista, a 14 anni aveva già letto, oltre ai classici universali, anche tutti i libri di Agata Christie, Conan Doyle e Rex Stout, e degli altri mostri sacri dell’horror e del thriller internazionali, per poi cimentarsi con i testi di esoterismo patrimonio di famiglia. Istruttore di arti marziali, astrologo, scrittore, con un passato di 7 anni nei reparti speciali antimafia della Guardia di Finanza, Blandino comincia a cimentarsi nella scrittura, una delle sue passioni fin da adolescente, durante le notti insonni della maturità. Contro ogni pronostico e lottando con tenacia in un mondo competitivo e selettivo come quello delle case editrici, riesce nella quasi impossibile impresa di giungere, nel giro di poco tempo, a varcare i cancelli della grande editoria cartacea partendo dal self publishing.

Continua la lettura di ESCLUSIVA! Il caso (di) Roberto Blandino, raccontato dallo stesso al nostro direttore.

L’autrice si racconta – Valeria Biuso

(Questo articolo è stato pubblicato in forma ridotta nella rubrica Letto,riletto, recensito! del mensile cartaceo Paesi Etnei Oggi del mese di dicembre 2017).
La giovane catanese Valeria Biuso, classe 1993, l’abbiamo ascoltata in una nota libreria catanese, alla presentazione del suo primo romanzo. Ci ha folgorato e abbiamo chiestole di dirci un po’ di lei. Appassionata di letteratura francese e americana, si specializza nello studio delle lingue e delle letterature straniere, frequentando l’Alliance française, la Sorbonne di Parigi e l’Università di Pisa. Scrive racconti, disegna e guarda troppi horror e serie tv.
Anche la morte ascolta il jazz, Ianieri edizioni, è il suo primo romanzo.

Continua la lettura di L’autrice si racconta – Valeria Biuso

L’inchiesta – Cristiana Danila Formetta ci spiega il confine tra eros e porno nella letteratura

Abbiamo letto Meravigliosa ossessione di Cristiana Danila Formetta, e ciò che da più di un anno lavoriamo ha preso forma, grazie alla collaborazione e all’aiuto dell’autrice/blogger che tratta di eros, più nota in Italia.

Ciao Cristiana, grazie d’aver accolto il nostro invito per L’INCHIESTA di fine anno del nostro blog. Abbiamo letto il tuo “Meravigliosa ossessione” (Serpent kiss digital) e siamo rimasti con tanti interrogativi, tanto da discutere se potervi essere la persona giusta che poteva aiutarci a sviluppare una inchiesta sulla letteratura erotica. Ci siamo detti di si ed esordiamo con una domanda: Perché scrivi di Eros?

Non è un segreto che a spingermi su questo cammino è stato l’incontro con lo scrittore Maxim Jakubowski, che ho conosciuto prima attraverso i suoi scritti (nella mia top ten dei libri da leggere a ogni costo c’è il suo “Vita nel mondo delle donne”) e successivamente anche di persona. Maxim è un maestro indiscusso dell’erotismo, e la sua scrittura ha influenzato positivamente tutta la mia produzione.

Continua la lettura di L’inchiesta – Cristiana Danila Formetta ci spiega il confine tra eros e porno nella letteratura

ESCLUSIVA! Alessandro Russo, una vita per la scrittura dedicata al e a Catania.

 Intervistiamo Alessandro Russo, avanposto culturalista e catanista, da sempre in prima fila a difendere le gesta dei colori rossazzurri. L’autore, non è nuovo in materia di pubblicazioni dedicate al Calcio Catania nato nel lontano 1946. Stavolta ha deciso di fare e creare una sorta di concorso: chi vive fuori Catania, come vive Catania, attraverso aneddoti ed episodi, ampliate a storie, sul Catania Calcio… e ce ne sono alcune che fanno vibrare dentro, come quella di un tifoso del Catania e un tifoso della Fiorentina, che si incontrano….. Signori, in libreria prego, per Natale, ogni catanese deve avere questo gioiello dal titolo Antologia di racconti sul Catania Calcio, Geo Edizioni, con la prefazione del nostro direttore Salvatore Massimo Fazio.

Vi segnaliamo subito i primi due incontri di presentazione:

Il primo appuntamento con gli appassionati è fissato per venerdi 29 dicembre 2017 alle 16,30 al Palazzo della cultura di Catania in via Vittorio Emanuele 121. Insieme al sindaco Bianco e all’assessore Licandro ci sarà Laura Azzia, coautrice dell’Antologia e con lei l’attore comico Gino Astorina e Santino Mirabella che ha firmato la postfazione.

La seconda presentazione editoriale dell’Antologia dei racconti sul Calcio Catania si svolgerà, invece, lunedì 8 gennaio 2018 alle 17,30 al Castello Leucatia di Catania, in via Leucatia 68. Ne discuteranno Tullio Di Cesare, Giuseppe Rapisarda e Domenico Sapienza con la partecipazione straordinaria di Enrico Guarneri e Giuseppe Mascara.

Continua la lettura di ESCLUSIVA! Alessandro Russo, una vita per la scrittura dedicata al e a Catania.

L’autrice si racconta. Chiara Albertini

Le sue opere hanno ricevuto diversi riconoscimenti importanti in occasione di premi letterari di carattere nazionale. Classe 1980, lei è Chiara Albertini, che ha pubblicato diverse opere, delle quali una è stata acquisita addirittura da Rizzoli editore, e non solo ci ha onorato di raccontarsi a noi, ma ci ha pure ringraziato. L’umiltà paga sempre!
Eccola, per i nostri lettori.

“Ci sono passioni che ti scelgono, ancora prima che sia tu a farlo. Succede, semplicemente. E quando te ne rendi conto, con il tempo realizzi l’importanza del dono ricevuto, quanto bisogna essere grati al destino per esserti avvicinato all’Arte, a un mondo poliedrico, autentico, che si tramuta in un qualcosa di essenziale, in un bisogno primario. Come l’aria da respirare. Diventa la tua identità, ritrovi in lei la tua dimensione, il tuo miglior riflesso, e allora tutto acquisisce un senso, un intimo, profondo significato, perché semplicemente ti riconosci in ciò che crei: per me, scrivere non rappresenta altro che un atto di amore, di fede e di coraggio. Verso se stessi, e di riflesso verso gli altri.

Risale a pochi anni fa, il mio approccio al mondo della scrittura, della narrativa; rintraccio fin da subito l’inizio di questo processo di identificazione personale durante la stesura della mia tesi di laurea in Lingue e Letterature Straniere – la cui pubblicazione è convogliata nel saggio “Il Medioevo in giallo nella narrativa di Ellis Peters” (Kimerik, 2011).
Continua la lettura di L’autrice si racconta. Chiara Albertini

L’inchiesta. Scrivere un libro a sei mani: si può? Salvo Fleres ha intervistato per noi tre straordinari autori che lo hanno fatto!

Salvo Fleres, per un giorno si presta ad indagare nella volontà di tre scrittori di pubblicare un libro a sei mani. Ecco l’intervista per il nostro blog Letto, riletto, recensito!

1) Da che cosa è nata l’idea di un libro a sei mani?

Adriano Di Gregorio (AD): L’idea di scrivere un’opera a sei mani è nata nella maniera più semplice di tutte, cioè da una chiacchierata con il mio amico Piero, che avevo conosciuto in occasione di un’altra raccolta antologica. Piero mi ha proposto l’idea che mi è piaciuta subito e poi abbiamo coinvolto Mario Lo Giudice.

Piero Juvara (PJ): Voglio solo aggiungere a quanto detto dal caro Adriano che c’era in me anche il desiderio di offrire al futuro lettore una produzione letteraria più ampia e più ricca di novità appunto, ma anche di sensazioni e di esperienze certamente diverse l’una dall’altra, con l’avvertenza che, in questo caso specifico, nel pozzo avrebbe trovato non una sola luna… ma ben tre lune!

Continua la lettura di L’inchiesta. Scrivere un libro a sei mani: si può? Salvo Fleres ha intervistato per noi tre straordinari autori che lo hanno fatto!

L’autore si racconta. Cataldo Bevacqua.

Ad un anno dalla pubblicazione, ci facciamo raccontare dallo scrittore Cataldo Bevacqua il suo esordio editoriale.

 La Tregua di Natale di Ypres è il titolo del mio primo libro, edito dalla casa editrice goWare il sette dicembre del 2016.
Ypres, Belgio. Fronte occidentale della Prima Guerra Mondiale. E’ la notte di Natale del 1914. La luna piena splende candida in contraltare al buio della notte, e ovunque riluce il biancore della neve ghiacciata. I soldati inglesi sono assiepati all’interno delle loro trincee, quando improvvisamente vedono innalzarsi, al di sopra del fossato antistante in cui sono asserragliati gli uomini dell’esercito tedesco, un esile e minuscolo alberello di abete, graziosamente adornato con fievoli luci. Comincia così uno degli avvenimenti più affascinanti e commoventi che la storia dell’uomo ricordi: la tregua di Natale del 1914. L’idea di scrivere un testo sulla tregua di Natale è nata allorquando, attorno agli inizi del mese di novembre del 2014, ho avuto modo di seguire un servizio sul canale televisivo Rai Storia, riguardante gli episodi di tregua sorti spontaneamente tra i soldati degli opposti schieramenti nel periodo natalizio del 1914, durante la Prima Guerra Mondiale.

Continua la lettura di L’autore si racconta. Cataldo Bevacqua.