Regressione Suicida – Salvatore Massimo Fazio

La retroazione del pensatore catanese Salvatore Massimo Fazio, che, non inganni il titolo, spinge verso una regressione al fine di rinascere. Lo ringrazio per avermi ospitato nel suo blog, per la mia video recensione… e per la recensione pura e scritta preferisco mettere le eccellenti parole del filosofo Luca Farruggio, che ha scritto sul saggio qualche giorno fa su Insiemeragusa.it:

“Ero scettico, ma sono stato smentito! Un paio di giorni fa ho ricevuto, in dono, il nuovo libro di Salvatore Massimo Fazio: “Regressione suicida. Dell’abbandono disperato di Emil Cioran e Manlio Sgalambro” (Bonfirraro Editore). Avendo letto i precedenti lavori dell’autore catanese, non mi aspettavo nulla di prettamente serio (in senso filosofico, intendo). Invece, ho trovato questo libro illuminante! Proprio Fazio, che ha sempre dichiarato di essere contro le Università, con questo libro ci regala una vera e propria tesi di laurea. Quello che per lui può essere un difetto, per me è stato un pregio. Il libro, infatti, è molto chiaro, denso e preciso.

Fazio analizza due filosofie scomode, isolate e provocatorie. Cioran e Sgalambro vengono studiati da un punto di vista teoretico, storico ed estetico. Sono due pensatori che, forse, in comune hanno solo la solitudine. E’ certo che se i due si fossero incontrati in qualche pub, sarebbe nata una rissa (sempre in senso filosofico, si spera). Tuttavia, non è così per ogni filosofia? Mai una uguale all’altra, ma sempre pronte a scontrarsi o, al massimo, a dialogare.

Però, questi due filosofi si sono incontrati realmente! Non in un pub, ma nella testa di Salvatore Massimo Fazio (anche se con Sgalambro, in realtà, l’autore ha avuto davvero una profonda amicizia, la cui testimonianza è riportata nella prima parte del libro). Forse nessuno può invidiare l’autore, perché si tratta di filosofie che, se non prese con distacco, possono condurre all’angoscia o a una freddezza cinica verso tutto e tutti.

Provo a sintetizzare estremamente le due filosofie senza annoiare i lettori. Cioran valorizza il nulla in opposizione al mondo, il quale però non è altro che una manifestazione dello stesso nulla a cui tutto disperatamente tende a ritornare. Sgalambro identifica Dio col mondo, e nel disprezzare entrambi, trova la grandezza nel pensiero geniale e nel bello che annienta ogni determinazione in qualcosa di vago. Chiunque voglia capire in profondità queste due filosofie, troverà nel libro una analisi coerente, dettagliata e ben scritta.

Eppure, dopo aver letto il libro mi sono chiesto: come mai questo titolo? Nel libro non si parla mai né di “regressione suicida” né di “abbandono di Cioran e Sgalambro”. Così, ho chiamato l’autore chiedendo una spiegazione. Fazio, telefonicamente, mi ha confessato che aderire a queste due filosofie lo ha portato spesso al malessere. Così, anche se incantato da questi due grandi pensatori, ha dovuto attuare un sano distacco umano e filosofico. Con “regressione suicida”, invece, l’autore vorrebbe tornare a quell’istante prima della nascita, in cui ancora il mondo e il pensiero non hanno presa negativa sull’individuo.

In sintesi: il titolo inganna, il libro no!”

SALVATORE MASSIMO FAZIO, REGRESSIONE SUICIDA DELL’ABBANDONO DISPERATO DI EMIL CIORAN E MANLIO SGALAMBRO, BONFIRRARO EDITORE. € 15,90. VOTO: 8.

Share