Intervista Salvatore Massimo Fazio a poche ore dallo start di VALVERDE in ARTE (Digressione 39)

massimo

La tanto attesa Rassegna Valverde in Arte. Terrazza letteraria tra suoni e colori prende il via stasera alle ore 20:30 presso la freschissima location di Villa Cosentino, Via del Santuario 4, a Valverde.

Momenti di grande soddisfazione ad oggi, ha vissuto il curatore della stessa, nonché personaggio al quale gestiamo il marketing web, grazie alla libertà di movimento concessa dai designatori della ridente cittadina della provincia catanese. Testate giornalistiche regionali hanno scritto della rassegna come un capovolgimento del fare arte letteraria affidato al camaleontico scrittore e filosofo  Salvatore Massimo Fazio e “del mio gruppo – precisa il nostro Massimo – formato da due donne e un uomo oltre me, a discapito di chi in alcuni miei interventi del passato mi ha cucito l’etichetta di misogino, che comunque ringrazio e non querelo perché non volendo mi ha dato ulteriore notorietà [ride di gusto Massimo]. Le ninfe stakanoviste sono la filosofa

11169920_10205614862162765_2966071355564197875_nClara Pennisi e il web designer11665725_10206934051139360_8742696920114832957_n architetto Raffaella Piccolo, che si sono prontamente prestate ad apparire anche in pubblico e a non rimanere vincolate dietro le quinte, grazie alle loro attività comunicative della parola e della pittura. L’altro lui è un amico di vecchia data col quale abbiamo iniziato parallelamente l’intromissione nell’arte. L’attore, affermato di cui parlo è Alessandro Spina. Che dire…. la salute mi ha giocato uno scherzo meschino costringendomi a ricoveri costanti a causa di alcune ernie discali, ma ci sarò perché ho l’esuberante necessità di esserci…anche se mi accompagnano con l’ambulanza”.
Qualche polemica è insorta, “… parole di chi non conosco, lette sui social network. Ho conosciuto l’affabile Sindaco D’Agata e il preparatissimo Assessore al turismo Luigi Torrisi, la loro attività nel far splendere Valverde è il biglietto da visita per apprezzarli. Non mi importano i tentativi di strumentalizzare una rassegna sbocciata ad hoc… lo ribadisco, già mi diedero ancor più notorietà in altri momenti… ben vengano le critiche se i risultati sono quelli riscossi sino ad oggi”.  L’ironico e sarcastico Massimo, non manca all’appuntamento con il suo nichilismo cognitivo (di cui è fondatore con Davide Bianchetti), termine che coniò il giornalista L. Pulvirenti a cui “si deve riconoscere la preparazione in materia, dato che due anni prima associò al mio pensiero il coniato  Nichilismo Cognitivo…. siamo seri… Luigi è un genio della comunicazione, un talento del giornalismo politico, sportivo, sociale… una bella persona, basta leggere i suoi romanzi, che ha permesso alle case editrici con le quali ha pubblicato di varcare confini regionali, per rendersene conto”. 

L’apertura della rassegna coincide col primo incontro… “si, una roba fatta in casa, mi disse un cretino. Vai a vedere chi è lo scrittore Danilo Ferrari oggi… che per averlo in rassegna abbiamo sudato 77 camice, dato che è impegnato nell’emisfero365 giorni l’anno… sono stanco adesso. Ci vediamo stasera se i medici lo consentono e permettono“.
Divertente anche quando mozza i suoi dialoghi Massimo, ma stavolta sofferente.

LOCANDINA_VALVERDEINARTE_DANILO_Stasera 02/07/2015 h. 20:30 presso Villa Cosentino (Valverde), primo appuntamento della rassegna Valverde in Arte. Terrazza Letteraria tra suoni e colori con la presentazione del libro Il coraggio è una cosa, Neon Edizioni, scritto da Danilo Ferrari, paternese, classe 1984. Una laurea in Scienze dell’Educazione presso l’Università degli Studi di Catania, conseguita col massimo dei voti e lode. Ha discusso una tesi di filosofia dal titolo “Diritti umani e dignità della persona”. Giornalista, scrive su Panorama e San Francesco Patrono d’Italia. Ha sovvertito il concetto di disabilità fisica grazie alla comunicazione coi sensi: gli occhi senza computer o diavolerie varie.

 

 

Dalla redazione, Fabio Arturo Cicala.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*